Una vita attiva protegge dal tumore al seno

 vita attiva

Correre, passeggiare, occuparsi del giardino, salire le scale. Basta poco per diminuire il rischio di sviluppare un tumore al seno. È quanto emerge da uno studio condotto nell’ambito del progetto European Prostective Investigation into Cancer and Nutrition (Epic), uno dei più ampi studi eseguiti sul legame tra tumori, diete e stili di vita.

Gli studiosi hanno analizzato oltre 8 mila casi di cancro al seno, scoprendo che chi svolge maggiore attività fisica ha il 13% di probabilità in meno di sviluppare il carcinoma rispetto a chi non ne compie affatto; per le donne con un’attività moderata si ha comunque un rischio inferiore dell’8%..

Questo ampio studio mette in evidenza gli effetti benefici che ha una vita attiva sulla salute, anche in quantità moderate. “Sebbene tenere sotto controllo il proprio peso e limitare le bevande alcoliche rimangano i due metodi migliori per limitare i rischi di sviluppare un tumore del seno”, spiega la ricercatrice Sara Hiom, “anche l’attività fisica riveste un ruolo importante. Piccoli cambiamenti nelle routine quotidiane possono fare la differenza, come scegliere le scale invece dell’ascensore, o recarsi al lavoro, a scuola o a fare la spesa a piedi. Non è necessario allenarsi come un’atleta olimpionica, basta passare meno tempo sul divano”.

 

Per prenotare una visita senologica, comprensiva di ecografia mammaria, nei nostri studi di Roma, Ostia e Aprilia, telefona al 338/7813714. Il costo della prestazione è di 60 euro.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.